I sentieri di Maiori abbandonati e non più fruibili: la denuncia del comitato ‘Tuteliamo la Costiera amalfitana’

Da recenti sopralluoghi effettuati nell’area del Demanio di Maiori emerge la quasi totale impraticabilità dei sentieri che fino a qualche anno fa permettevano a chiunque avesse voluto avventurarsi in uno degli angoli più suggestivi del nostro territorio, di raggiungere luoghi di singolare bellezza e di inconsueta tranquillità

Attualmente non è possibile effettuare il circuito, pure non particolarmente lungo, che collega la Baita del Pastore all’area del Percorso ginnico, che con la sue rustiche attrezzature, permetteva un tempo ad appassionati camminatori ed anche a placide famigliole di godere, magari pure in piena estate, della frescura e dell’amenità assicurate dalla copertura arborea e dalle limpide acque del vicino torrente.

Difficoltà simili presenta il tragitto che, proseguendo in salita dal suddetto percorso ginnico, conduceva un tempo anche non lontano al vallone Ponticchio e di là immetteva attraverso le località Pietre Bianche e pianoro di S. Maria, alla “Via degli Eremiti” per raggiungere in sequenza: la pineta sopra S. Maria Olearia, Capodorso e Montepiano con le sue grotte, Vallone di S. Nicola a Erchie e Piano di Viesco con i ruderi di S. Nicola di Carbonario sopra Cetara, nel cui centro poi poteva concludersi l’escursione.

“Come ho detto in altre occasioni, un itinerario di grande pregio ambientale, paesaggistico, storico, percorribile anche per tratte separate e in grado di rivaleggiare, per scorci panoramici e ricchezza di fauna e flora, con i più famosi sentieri della Costiera amalfitana, Sentiero degli Dei e Valle delle Ferriere in primis” ha dichiarato Gioacchino Di Martino, del comitato ‘Tuteliamo la Costiera Amalfitana’ secondo cui “le cause di questa catastrofe sono da ricercare negli effetti degli incendi che negli anni, soprattutto nel 2017, hanno devastato boschi e pascoli anche della Costiera amalfitana, nella riduzione dell’utilizzazione da parte dei normali fruitori delle risorse boschive e, soprattutto, nella mancanza di ogni attività di manutenzione da parte sia dei privati che degli operatori pubblici”.

“Se si tiene conto del concomitante stato di precarietà della rete di sentieri che conducono ai vari luoghi più o meno eminenti del contesto del comune di Maiori, si può dire che, purtroppo, la nostra città non partecipa, nonostante il grande valore paesaggistico e naturalistico del suo territorio, al processo di (ri)lancio del turismo escursionistico, la cui crescente importanza è testimoniata dalle ormai innumerevoli offerte da parte di agenzie specializzate, di pacchetti trekking per i percorsi più gettonati della Costiera- prosegue Di Martino- Peccato che in tali proposte, purtroppo, manca quasi sempre, salvo che per la parte che riguarda la parte iniziale del “ Sentiero dei limoni” e la parte finale del “Sentiero delle Formichelle” qualsiasi riferimento alla rete dei percorsi escursionistici del nostro comune”.

“Appare indispensabile immaginare e organizzare un processo di recupero e rivalutazione delle articolata rete di sentieri che attraversano valli e rilievi del territorio di Maiori. Nel contesto di tale auspicabile progetto ci auguriamo e proponiamo che la prima iniziativa venga rivolta, al sopraindicato sentiero “ Via degli eremiti”, sicuramente, ripetiamo, uno degli itinerari più interessanti e affascinanti dell’intera Costiera”, conclude.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *