Apre la “Casa della Sinistra”

di Andrea De Simone

Il Primo Maggio in piazza Mario Ricciardi a Torrione alle ore 17.00 nasce la Casa della Sinistra. Una sede che vuole accogliere il “popolo perduto” della sinistra che ancora crede nella politica fatta “in presenza” e non solo sul web o nei talk show televisivi. Presenti buona parte di tutte le donne e gli uomini che hanno a cuore la rinascita dell’unico impegno pubblico che ci interessa: l’affermazione del bene comune. Nel rispetto delle regole anticovid, sono state aperte le porte della nuova casa a tutte le diverse formazioni e forze civiche, ai vecchi militanti senza tessere, alle persone che chiedono uno spazio di confronto. E’ stato fatto un lavoro di coinvolgimento, ancora parziale. Si deve fare molto di più. E’ necessario discutere con chi esprime ancora dubbi e perplessità sul difficile cammino dell’unità, ma indubbiamente un importante passo è stato compiuto. Il Paese deve ripartire, la Sinistra deve ripartire. Occorre un vero Big Bang che porti ad un reale cambio di rotta. Questo è l’impegno che Insieme per la Primavera Salernitana sente di assumere per dare nuova vita alla città di Salerno. Un documento che ha raccolto già tantissime firme: da semplici militanti a personalità che hanno svolto ruoli, da tanti giovani a professionisti stimati. Una sede aperta non è un episodio: avrà una funzione per le imminenti elezioni amministrative ma continuerà anche dopo e spero per tanto tempo, a svolgere una funzione vitale per recuperare un rapporto tra la buona politica e la gente. “Come una sezione di base che hai frequentato tu ai tempi del Pci?” mi ha chiesto un giovane attivista che ho invitato personalmente. Magari. E’ quello che proviamo a fare. I tempi cambiano, ma le passioni restano e gli insegnamenti si perpetuano. La nuova casa accoglierà tutti quelli che non si rassegnano al declino della nostra città e che soprattutto hanno ancora la voglia e la determinazione di lottare per un cambiamento possibile. Sarà luogo di incontro intergenerazionale. Per porre fine al malgoverno locale c’è bisogno di collaborazione tra chi ha esperienza politica e chi intende iniziare apportando nuove energie ed idee. Sembra finalmente possibile avere, a sinistra del Pd, un’unica formazione aperta e plurale che rimetta al centro la politica nel senso più nobile del termine. Potranno recidere tutti i fiori, ma non potranno fermare la primavera (Pablo Neruda).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *