ItalExit appoggia le partite IVA: “Lavoro e dignità”

A Napoli arrivano da molte parti d’Italia per supportare la seconda tappa di “Io apro in tour” in cui hanno confluito per la maggiore molti ristoratori ma anche commercianti, operatori di palestre, del turismo, dello spettacolo, ovvero le categorie più tartassate da questi assurdi DPCM. Insieme alle molte associazioni di categoria tra cui AISP, AIC ed altre, si è schierato anche il Movimento ItalExit con Paragone, fondato dal giornalista Gianluigi Paragone che ha parlato in piazza a Milano nella prima tappa del tour dichiarando pieno appoggio a queste categorie. I militanti e i coordinatori di ItalExit sono giunti a Napoli da tutta la Campania e da buona parte d’Italia. Armando Romano, coordinatore Regione Campania ItalExit a nome di tutti ha dichiarato lo sdegno di ItalExit verso questi DPCM e verso idee bizzarre che fanno capire che il Governo ha perso la bussola come l’ultima sulla Pasqua dove ci si può muovere per viaggiare all’estero ma non si può uscire per una passeggiata in città. “Una vera presa in giro che ormai continua da tempo e chi ne fa le spese sono i cittadini”. Il prossimo appuntamento è a Roma il 6 aprile prima dell’apertura ufficiale da parte dei ristoratori e commercianti fissato per il giorno 7 aprile senza condizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *