Salerno, Lambiase: “La strage dei platani in via Generale Clark”

Gianpaolo Lambiase contro la strage dei platani in via Generale Clark a Salerno. Un episodio che il consigliere comunale di ‘Salerno di tutti’ definisce “riprovevole”.  

Per Lambiase il taglio dei venti platani sul marciapiede di via Generale Clark non sarebbe giustificato dalla relazione tecnica della ditta costruttrice in cui infatti non si farebbe alcun riferimento al taglio o al trasferimento dei platani sulla strada.  “Non c’è alcuna citazione sul “destino” degli alberi nei pareri della Soprintendenza (parere favorevole del 01.07.2020), della Commissione locale del paesaggio (parere favorevole del 01.07.2020), dell’Ufficio Verde Pubblico del Comune (parere favorevole del 27.07.2020)” prosegue il consigliere Lambiase. Anzi, per l’agronomo incaricato dalla ditta costruttrice “solo 5 platani (dei venti abbattuti) sono ammalorati”.  L’Ufficio Verde Pubblico, con perizia di un nuovo agronomo incaricato dal Comune il 9 gennaio scorso conferma. 

“I platani abbattuti erano ormai parte del “paesaggio alberato” di via Generale Clark” dichiara Lambiase che aggiunge “Mi hanno informato che probabilmente furono piantati molti anni fa a “memoria” dei caduti di guerra (vedi sbarco dagli Americani a Salerno al comando del Generale Clark)”. 

“A me sembra, però, ancora più assurdo e paradossale il fatto che l’amministrazione comunale ha affidato direttamente al costruttore del Comparto CR_30 l’intervento sulla pubblica strada. Un ‘opera che stravolgerà l’assetto viario della zona, evidentemente a vantaggio esclusivo dell’investimento privato”. 

L’abbattimento dei venti platani dovrebbe, infatti, servire, secondo la relazione prodotta dalla ditta costruttrice ad agevolare l’ingresso al lotto sia per flussi trasporto di commercio leggero (auto private), sia per i flussi di trasporto di commercio pesante (camion per scarico merci al supermercato in costruzione). 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *