Luci d’Artista, il piano sicurezza non è pronto

di Brigida Vicinanza

Sicuramente non ci sarà una inaugurazione vecchio stile, le Luci d’Artista si sono impantanate sul piano sicurezza. Fumata nera, anche stamattina, in Prefettura a Salerno, dopo l’ennesimo incontro con l’amministrazione comunale. Piano troppo lacunoso per il Prefetto di Salerno che ha sostanzialmente bloccato la cerimonia di apertura della Luci d’Artista, in programma per oggi. Stando ad alcune indiscrezioni, non si esclude che le installazioni luminose possano essere comunque accese per poi rinviare la cerimonia a data da destinarsi. Questa in sostanza sarebbe la linea del sindaco Enzo Napoli ma non condivisa in pieno dall’amministrazione comunale. La versione ufficiale potrebbe trovare una giustificazione legata all’allerta meteo, quella veritiera riguarda, invece, difficoltà ancora non superate. Sta di fatto che quest’anno, complice anche la bufera giudiziaria e l’avvio in salita della consiliatura, le Luci d’Astista, al di là dell’emergenza Covid, sembra che siano partite sotto una cattiva stella. D’altronde nelle settimane scorse il bando e l’intera procedura sono finiti sotto la lente d’ingrandimento dell’Anac, con una possibile segnalazione – come spesso avviene dall’Anticorruzione – anche alla Procura della Repubblica di Salerno. Intanto le Luci sono state pagate, così come tutti gli annessi e connessi alla milionaria kermesse natalizia, le cui installazioni – ricordiamo – erano partite ancor prima dell’apertura delle urne, e ancor prima, stando alle carte, di un vero e proprio bando. Ancor più complessa è stata la predisposizione del piano sicurezza e di quello sanitario, che di questi tempi, sono indispensabili per garantire un evento abbastanza tranquillo sotto il profilo del Covid.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.