I rapporti tra De Luca e Zoccola nelle parole di Marotta: “Quello mi ha fatto un guaio…”

di Brigida Vicinanza

Vittorio Zoccola, Vincenzo Napoli, Felice Marotta e…Vincenzo De Luca. Alla porta del governatore della Campania bussa un avviso di proroga delle indagini a suo carico, mentre a “suonare” per Marotta ed Enzo Napoli è l’accusa di turbativa d’asta. Nella bufera che vede coinvolto Palazzo di Città e l’amministrazione comunale (appalti e affidamenti alle coop) ce ne sono tante altre che vedono protagonisti tutti (o quasi). I soliti “noti” certo e sempre con le stesse modalità. Sotto la lente di ingrandimento questa volta i rapporti proprio tra De Luca e Zoccola, di “amicizia” si può dire, tanto che da Marotta ed il primo cittadino gli inquirenti trovano conferme. Felice Marotta è nella stanza del Sindaco Enzo Napoli, entrambi parlano – si legge nell’ordinanza – ad un tratto l’ex braccio destro Marotta:-” Senti, De Luca mi ha fatto un guaio troppo grosso, io lo voglio troppo bene … “.- Enzo:-” Perché che ti ha fatto”.- Felice:-” Questo Vittorio si è messo nelle pa***”.- Enzo:-” Vittorio Zoccola… ha fatto un guaio”.- Felice:-” Guarda io…l’avevo cazziato, lo avevo allontanato, non ci salutavamo neanche più “.- Enzo:-” Ma quello non è che si è bisticciato ma quello sicuramente … “.- Felice lo interrompe:-” Ma quello mi chiamò la e me lo fece trovare la.”.- Enzo:-” a me mi aveva tolto le confidenze. .. come stavo bello … “.- Felice:-” Si, si si era offeso…io stavo la fine del mondo.”- Enzo:-” Eh, ma mò che dobbiamo fare con questo …vediamo di non passare un guaio”». Ed è proprio da queste conversazioni che il gip Gerardina Romaniello ha potuto sottolineare non solo la condotta illecita dei due dopo un incontro proprio con Zoccola, ma – secondo quanto affermato poi dopo dallo stesso Marotta – il tutto sarebbe stato frutto delle pressioni del “ras” delle cooperative grazie proprio all’intercessione del governatore De Luca che pare lì abbia addirittura “riappacificati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *