Polverino e la politica dei fatti: rigenerazione urbana, smart city, innovazione e città green

di Mirko Cantarella

Fabio Polverino, consigliere uscente dell’amministrazione comunale di Salerno, ritorna in campo alle prossime amministrative, nella lista Salerno per i giovani, a sostegno dl candidato sindaco Vincenzo Napoli, con l’idea di continuare ciò che è stato svolto nei suoi primi cinque anni di mandato e di attuare altre idee presenti sia nel programma del futuro sindaco di Salerno e sia nel suo personale. “Il mio impegno nei precedenti cinque anni è stato focalizzato soprattutto nell’innovazione, politiche giovanili, e presenza territoriale – ricorda Polverino – ad esempio un risultato importante l’ho avuto nell’informatizzare il comune dei servizi comunali con anche un riconoscimento da open polis con ben 23 servizi online proposti e il mio impegno maggiore è stato su SPID, Pago PA e servizi demografici online. Prossimamente verrà presentato il nuovo sito dell’ente completamente rispondente alla nuova normativa AGID, autorità garante per l’informatizzazione, avremo un’APP unica ed un’APP dei servizi del Comune di Salerno collegata ad una chatbot; praticamente il cittadino si interfaccerà con i servizi comunali”. Molti li interventi di Fabio Polverino avvenuti sul territorio come l’intera riqualificazione di via Vinciprova dopo un confronto con il comitato di quartiere. Sono previste nuove strutture, un nuovo parcheggio di circa 50 posti auto, i bagni chimici e nel mentre c’è stato l’esperimento vincente della street art; dei murales effettuati da artisti internazionali invitati dall’associazione Over line di Baronissi, tra cui il siciliano Lost e al coinvolgimento di giovani writer salernitani del collettivo “All’anema” sui temi tradizione, fede e rinascita. Molto importante il progetto denominato “agopuntura urbana e urbanismo tattico” dove proprio in questi giorni, si inizierà a mappare la città interamente per individuare nei vari quartieri i cosiddetti vuoti urbani con micro interventi nelle aree degradate che avranno, come puntualizza Polverino, una valenza sociale molto elevata. Interventi ad esempio come la riqualificazione di Piazza della libertà, in zona orientale. Altro intervento andato in porto nato sull’idea di Fabio Polverino è la rotatoria a via dei Mille che ha liberato la zona, dove sono presenti anche due importanti plessi scolastici, dai semafori e dagli ingorghi che gli stessi creavano. Ma il candidato di Salerno per i giovani ricorda anche la sua attività con i giovani, a cui tanto è legato, con l’iniziativa importante di “Lezioni di felicità”. “All’interno dei plessi scolastici abbiamo fatto capire l’importanza della musica e la comprensione dei testi, di una musica che non è legata ad esempio all’ultima novità della musica trap dove i testi banali e a volte anche pericolosi, potevano portare i ragazzi a comportamenti sociali fuori dalla normalità. Il concetto di lezioni di felicità mira soprattutto a far capire di come un testo ed una musica possano fare tanto per combattere il bullismo e il cyber bullismo”. L’impegno di Polverino nei suoi cinque anni di amministrazione comunale è stato rivolto anche alle politiche sociali e alla trasformazione urbana che Salerno ha avuto con le grandi opere. “Ora dobbiamo fare il passo successivo, ovvero ridisegnare i nuovi luoghi della città facendo intervenire le nostre professionalità. Una rigenerazione dei luoghi urbani, tra l’altro che io ho già iniziato in tempi non sospetti e che proporrò in maniera ancora più decisa e costante nella prossima amministrazione che dovrà fare i conti sulla progettualità europea come il piano nazionale di resilienza utile a portare avanti progettualità europee sull’ambiente, infrastrutture, sviluppo e mobilità sostenibile”. Ma non finisce certo qui la programmazione del vulcanico e concreto consigliere comunale, che si sta facendo strada con i fatti. “All’interno del mio programma – continua Polverino – è Salerno Smart City, una città sempre più aperta in ambito innovativo, Fattibile è anche un sistema intermodale di mobilità che abbia al centro le stazioni della metro come hub e costruire attorno le cosiddette circolari di quartiere con bus elettrici, in accordo con Busitalia, che faccia il giro dei quartieri, avendo base logistica dove ci sono le fermate della Metro che tra l’altro verrà anche allungata. Sviluppare l’elettrico per restare al passo con i tempi con colonnine delle auto elettriche in tutta la città. Accanto a ciò si prevede di implementare un sistema di mobilita alternativa di bici elettriche, monopattini con una giusta regolamentazione, il miglioramento della videosorveglianza in città e in zona ASI grazie al PON legalità. In settimana inaugureremo tutto il sistema di videosorveglianza proprio nella suddetta zona ASI”. Dunque una città sempre più green, sempre più sicura in cui non mancherà il tema dell’ambiente e della pulizia. Polverino rassicura che è già attiva l’idea di aumentare gli operatori che svolgono lo spazzamento in città, spostando anche i dipendenti di Salerno Pulita che operano nella pulizia all’interno degli enti e lo stesso verrà affidato a Salerno Sinergia e quindi attuando la delibera di giunta del 2016 già approvata in merito. Restando in tema ambiente e pulizia verrà effettuata in un primo tempo in via sperimentale per gli esercenti commerciali e di somministrazione, la raccolta del vetro porta a porta. Inoltre verrà applicato un sistema di etichettatura in modo tale da individuare il cosiddetto responsabile del sacchetto selvaggio oltre a chi fa la differenziata in modo sbagliato. “Un’azione di sensibilizzazione e una di tipo repressivo con maggiori controlli grazie ad un’altra mia idea che sto portando avanti, le guardie ambientali che potranno anche irrogare sanzioni amministrative. Inoltre con un sistema di pubblicità per abbattere i costi del comune, verranno sistemati su tutto il territorio i cestini per le deiezioni canine – conclude Polverino che senza freno, attuerà un’altra idea per migliorare la vivibilità della città, ovvero “Adotta un’aiuola”, dove i commercianti potranno prendere un pezzo di aiuola antistante la propria attività e curarle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *