29 GENNAIO 2021: INAUGURAZIONE DEL CENTRO ANTIVIOLENZA LEUCOSIA A SALERNO

Sarà inaugurata venerdì 29 gennaio la nuova sede salernitana dell’Associazione Differenza Donna Ong, con il Centro Antiviolenza “Leucosia”. Il Centro, ubicato in via F. Patella, 10 a Salerno, oltre ad accogliere richieste di sostegno delle donne sottoposte a molestie e violenza maschile, sarà il fulcro operativo del progetto “Dammi la mano”, percorso di resilienza e sostegno per bambini e bambine vittime di violenza assistita. Il progetto finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Politiche per la famiglia sosterrà orfane ed orfani di femminicidio e donne bambine e bambini in uscita dalla violenza.


Il 29 gennaio dalle ore 10, su prenotazione e in pieno rispetto dei protocolli di sicurezza sanitaria necessari, la stampa potrà avere accesso ai locali del Centro per interviste, foto, e video.
A partire dalle ore 15 è invece previsto l’incontro on line sulla piattaforma Zoom, per presentare le attività del Centro Antiviolenza Leucosia e del progetto Dammi la Mano.
All’appuntamento saranno presenti autorità nazionali politiche istituzionali ed i componenti del Tavolo di coordinamento del Progetto che ha come obiettivo lo scambio e la condivisione di buone pratiche già in atto ed in fase di studio.


Con la Presidente di Differenza Donna Ong, Elisa Ercoli, all’evento on line saranno presenti, tra gli altri: l’On.  Mara Carfagna, Vicepresidente della Camera dei Deputati, l’On. Valeria Valente, Presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza di genere, l’On. Angelo Tofalo, Sottosegretario di Stato alla Difesa, l’avvocata Maria Teresa Manente, Responsabile ufficio legale di Differenza Donna Ong, la Dott.ssa Rosa D’Amelio, Consigliera alla Pari Opportunità Regione Campania, la Dott.ssa Gaetana Falcone, Assessora alle Pari Opportunità Comune di Salerno, la Dott.ssa Paola De Roberto, Presidente Commissione Politiche Sociali Comune di Salerno, il Colonnello Gianluca Trombetti, Comandante provinciale dei Carabinieri di Salerno, il Dott. Marcello Castello, Capo della Squadra Mobile di Salerno, la Dott.ssa Viviana Ruocco, Marescialla Capo dei Carabinieri Referente provinciale per i reati connessi alla violenza di genere, il Dott. Rocco Alfano, Procuratore aggiunto della Procura della Repubblica di Salerno.

L’incontro online sarà trasmesso in diretta sulla pagina Facebook “Associazione Differenza Donna”.

Il Centro Antiviolenza Leucosia offrirà servizi gratuiti tra i quali: ascolto telefonico, colloqui, valutazione del rischio, sostegno psicologico, consulenza legale e accoglienza specializzata per minori vittime di violenza assistita o diretta e per orfani di femminicidio.

Tutti i servizi sono forniti da operatrici qualificate, e nel pieno rispetto della tutela della privacy e dell’anonimato.


L’Associazione Differenza Donna ONG da trent’anni è impegnata a livello nazionale e internazionale nel contrasto della violenza e discriminazione di genere e al sostegno delle donne e dei minori vittime di violenza.  Tra i numerosi progetti in atto, è ora assegnataria, per conto della Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento Pari Opportunità, della gestione del Numero verde nazionale 1522, di pubblica utilità per il sostegno alle vittime di violenza di
genere e stalking.
Dal 1989 a oggi ha dato sostegno a 35mila donne e più di 60mila bambini e bambine attraverso i Centri Antiviolenza, strumento strategico di cambiamento culturale e di advocacy; troppo spesso i vissuti delle donne sono banalizzati dagli stereotipi e la narrazione pubblica stereotipata sulla violenza influenza negativamente le politiche di emersione e di contrasto, attribuendo la responsabilità a chi quella violenza la subisce impedendone la liberazione e sollevando di responsabilità l’autore della violenza.


“Il periodo di emergenza causato dal COVID-19 ha posto i riflettori sul problema della violenza maschile contro le donne, divenuta “una emergenza nella emergenza”: la convivenza forzata tra le mura domestiche durante il lockdown ha esposto le donne che già subivano maltrattamenti a una ulteriore difficoltà che ha impedito di fare anche una chiamata per chiedere aiuto o recarsi alle forze dell’ordine. Oggi più che mai sappiamo che potenziare gli interventi di accoglienza e di sostegno per le donne è la strategia per un cambiamento possibile in una società che tutte e tutti vogliamo più giusta, inclusiva e aperta alla partecipazione delle donne.”-  dichiara Elisa Ercoli Presidente dell’Associazione Differenza Donna.

Per informazioni 340.8339000 / 089.9485269
cavleucosia@differenzadonna.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *