Salernitana: un primato che non cancella le amarezze della tifoseria

di MIRKO CANTARELLA

n altri tempi, una Salernitana al primo posto in Serie B avrebbe scatenato l’inferno per dirla alla Russel Crowe nell’interpretazione di Leonida nel film “300”. Invece i tifosi non si sono scomposti più di tanto, memori delle precedenti stagioni e del famoso articolo NOIF sulle multiproprietà. Infatti, come se nulla fosse, probabilmente con l’idea che a breve si continuerà a rivedere un film già visto (a proposito di cinematografia), sulla recinsione dello Stadio Arechi è comparso uno striscione del Direttivo Salerno che recita: “Per far sì che questo primato diventi realtà…Via Lotito e la multiproprietà da questa città!”. Una frase che non fa una piega ed è l’ennesimo invito alla cosiddetta “società romana”, alias Lotito, Mezzaroma e Fabiani, di cedere la mano. Probabilmente la stragrande maggioranza della tifoseria la pensa allo stesso modo come si è potuto notare sui profili social di molti tifosi anche storici dei granata. Il primo posto in otto gare dunque, anche con prove dignitose della squadra alternate a prove meno buone, non cancellano dissapori, offese e amarezza nella mente dei tifosi per colpa di una società che è stata capace di far disamorare la città verso la propria squadra e che solo l’onore e l’amore per la maglia fa sì che i supporters granata tengano duro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *