De Luca annuncia il progetto del nuovo ospedale: “Sarà struttura all’avanguardia, 750 posti letto e unità spinale unica in tutta la regione

di Vincenzo Pisaturo

“E’ una rivoluzione nella sanità campana: è il più grande investimento che ci sia mai stato in regione, nella rete ospedaliera”. Il governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, questa mattina al Grand Hotel, ha presentato i nuovi progetti per la realizzazione del nuovo ospedale e del polo di riabilitazione di unità spinale. “Oggi abbiamo una tempistica certa per il nuovo ospedale con il progetto definitivo. Siamo pronti anche per l’inizio della scuola, la campagna vaccinale ha subito forti ritardi per colpa di un’errata comunicazione da parte del governo ma anche per l’irresponsabilità di alcune forze politiche, Lega e Fratelli d’Italia. Bene il green pass nelle scuole, sui pullman, negli ospedali. Parliamo oggi di un programma di investimenti per 1,3 miliardi di euro per la sanità campana” ha continuato De Luca durante la conferenza stampa, alla presenza del Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliero Universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona Vincenzo D’Amato e il direttore generale azienda sanitaria Mario Iervolino.

Il presidente attacca la leader di Fratelli d’Italia, che sarà a Salerno mercoledì pomeriggio: “Meloni dice che il green pass limita la libertà? Allora cosa dobbiamo fare? Chi lavora nei luoghi pubblici deve essere vaccinato e avere il green pass, ritorniamo alla normalità. La Campania più di quello che ha fatto non poteva fare, è stato fatto un lavoro eccezionale”.
“L’esigenza di far nascere un nuovo ospedale parte dall’opportunità di avere nuovi spazi a disposizione dell’Università, della formazione dei nostri ragazzi e per una situazione strutturale che rischia di rendere impraticabile il Ruggi dal punto di vista tecnico, sismico e di sicurezza perché costruito 70 anni fa. Il nuovo ospedale sarà all’avanguardia dal punto di vista delle prestazioni sanitarie per i nostri concittadini. Ai 1,3 miliardi di euro si aggiungeranno altre risorse dal Piano di ripresa. Noi dobbiamo concretizzare queste opportunità. Il nuovo ospedale accoglierà anche le famiglie dei ricoverati con delle residenze dedicate”.

Il nuovo ospedale costerà “350 milioni di euro utilizzati per la realizzazione della struttura, complessivamente 400 l’investimento del nuovo polo con le nuove tecnologie: uno sforzo importante. La regione lavora per Salerno, finalmente, a differenza di altri che non hanno mai messo un euro”. “Il polo di riabilitazione pubblica – chiarisce De Luca – servirà all’assunzione di nuovo personale, realizzeremo una nuova unità spinale per quei casi più drammatici di persone che hanno avuto gravi problemi fisici. Nell’ambito di un polo della riabilitazione pubblica, questa è un’opera unica in tutta la regione”.

Un ospedale costruito a modello di paziente: sette piani, 220mila metri quadrati, cinque ettari di verde. Sarà destinato ad ospitare anche la facoltà di Medicina dell’Università.

“Al Da Procida, per esempio, i ricoverati avranno la possibilità anche di fare altre attività come la patente. Il nuovo ospedale sarà collegato anche con una fermata della metropolitana. Partiamo con la gara a fine anno, è un miracolo concludere l’iter amministrativo in un anno avendo già i pareri di altri enti. Il nuovo ospedale sorgerà nella zona industriale, sarà inserito in un parco fluviale. Progettiamo così anche i nuovi svincoli della tangenziale e sulla SS18, avremo una nuova mobilità nella zona e altri 1300 posti auto per venire incontro alle esigenze dei lavoratori e dei parenti dei pazienti. A fine anno avremo dunque anche il progetto esecutivo e partiremo con i lavori: avremo nuovi 750 posti letto per completare l’offerta sanitaria e assistenziale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *