Niente fuochi e niente processione. San Pietro rimandato al prossimo anno.

di Cinzia Forcellino

Un nuovo anno senza la festa patronale di San Pietro a Cetara. Sembrerebbe un evento da poco, tenendo conto, purtroppo, delle varie limitazioni e restrizioni a cui siamo stati abituati in questo ultimo anno e mezzo. Invece a Cetara la comunità si è stretta ai ricordi e alle varie tradizioni per rivivere, almeno per un po’, la normalità che le è stata tolta d’improvviso. Così, nel borgo marinaro – dove l’attività di pescatori resiste ancora per reddito e lavoro – questo 29 giugno, ancora senza processione né festeggiamenti, arriva come un colpo al cuore.

Ai vari tavoli dei bar si vedono e si sentono i video ripostati sui social di qualche anno fa, mentre nei giardini comunali si discute su quanto sia strano non respirare l’aria di festa di questa giornata. E tra chi tenta di ricordare l’ultimo anno in cui fu annullata la processione della statua del Santo per le vie del paese e chi va indietro con i ricordi soltanto a qualche anno fa, si fa mezzogiorno.

Campane a festa e qualche fuoco di rito sparato dalla Torre Vicereale rompono gli indugi: il paese è comunque in festa, come già era stato anticipato dalle note della banda di Bracigliano, scelta per suonare – sin dalla mattina – le musiche più suggestive e i canti ecclesiastici, fino all’esecuzione della marcia di Mosè di Rossini che, a Cetara, viene accostata sempre all’uscita del Santo e alla famigerata corsa per le scale della chiesa patronale.

Seppur questa parvenza di normalità abbia paventato la possibilità di ottenere un ‘liberi tutti’ e un ritorno alla festività come negli anni precedenti, a conti fatti non è stato così. Nessuna luce a illuminare le strade del paese né bancarelle a vendere cibo e giocattoli. La preoccupazione per il Covid è ancora troppo alta e il primo cittadino ha tenuto a ribadire il suo pensiero.

«Anche quest’anno non si terranno le celebrazioni per la festa patronale del nostro San Pietro. A causa della pandemia, infatti, siamo al secondo anno di limitazioni e restrizioni per evitare assembramenti, ma quest’anno abbiamo pensato di allietare tutti con piccoli accorgimenti. Inoltre, da ieri, in tutta Italia è scattata la “zona bianca”, in concomitanza con la vigilia della festa patronale. Questo però non significa che possiamo rompere le barriere. Anzi, a tal proposito ci tengo a precisare che non ci saranno processioni per le vie del paese né tanto meno i fuochi pirotecnici allo scoccare della mezzanotte. Il mio invito a rispettare le regole è sempre valido, con l’augurio che questo sia definitivamente l’ultimo anno di limitazioni e rinunce.», ha dichiarato Della Monica.

Restano, invece, programmate la Santa Messa in diversi orari per consentire a tutti di omaggiare il Santo patrono.

Le decisioni del primo cittadino, che sposano le linee guida nazionali e regionali, non sembrano essere bastate ai cetaresi che, molto devoti a San Pietro, speravano in deleghe speciali o in “festività riservate”.

Nessun sconto da parte del sindaco che rimanda al prossimo anno l’appuntamento, con la speranza che sia una festa per un nuovo inizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *