Matteo Marchetti: “Dal Codacons all’impegno civile e politico per Salerno”

di Andrea Pellegrino

L’avvocato in campo con Antonio Cammarota: “Piena sintonia con lui, da sei mesi stiamo affrontando numerosi temi”. L’iniziativa: “Isole pedonali nei quartieri, partiamo dal Carmine. Così respiro ai cittadini e all’economia”

Dal Codacons all’impegno civile e politico. L’avvocato Matteo Marchetti porta tutta la sua esperienza per l’amministrazione della città di Salerno. In campo con Antonio Cammarota, candidato sindaco de “La Nostra Libertà”. «Con lui siamo sulla stessa lunghezza d’onda, da sei mesi lavoriamo insieme e dettiamo l’agenda politica», dice. Dal problema sicurezza alla pulizia della città, i temi trattati dal Codacons: «Tanti punti, tante anomalie e problemi che abbiamo portato all’attenzione del Prefetto e dell’autorità giudiziaria».

Partiamo dalla sicurezza…

«Già del dicembre del 2019 abbiamo chiesto e ottenuto dal Prefetto di Salerno un rafforzamento delle forze dell’ordine nel centro storico. Ora rivolgiamo lo stesso appello, dopo la pausa Covid e dopo gli ultimi episodi che stanno riguardando le attività commerciali della città. Non si tratta di episodi isolati ma di una strategia contro le attività. Occorrono urgenti interventi, così come noto, nel contempo, un silenzio assordante della Camera di Commercio che dovrebbe essere vicino ai propri iscritti. La sicurezza non ha colori politici».

Sicurezza che riguarda anche le strade…

«Esattamente. Ed è una battaglia che portiamo avanti da tanto tempo, dopo i numerosi incidenti, anche purtroppo mortali, che si sono registrati sulle nostre strade cittadine. Assistiamo ad auto che corrono anche sul Corso cittadino o a dissesti di vie e poca manutenzione».

A proposito di manutenzione, c’è anche un problema legato alle alberature.

«C’è stata una nostra denuncia su via Vinciprova e abbiamo appena saputo che la Procura ha chiesto l’archiviazione. C’è un problema nei pressi del San Demetrio, così in altre zone della città. Non attendiamo la tragedia, si agisca in fretta e si curi gli alberi della nostra città. L’assenza di manutenzione può provocare tragedie vere e proprie».

Codacons in piazza con le proprie proposte

«Partiamo dalle isole pedonali diffuse e partiamo dal rione Carmine. Questo quartiere diventi, a costo zero, in alcune ore del giorno, una isola pedonale. Ciò consente un respiro alle attività commerciali ma anche la possibilità per anziani e giovani di vivere il proprio quartiere».

Dal Codacons all’impegno civile e politico

«Cerchiamo trasparenza negli atti, vogliamo approfondire i processi delle decisioni. Qui tutto questo manca, ci sono poche persone che decidono. Noi come Codacons stiamo dettando l’agenda politica e sosteniamo Antonio Cammarota. Siamo impegnati per eliminare i “muri di Berlino” dalle spiagge, sosteniamo l’iniziativa di un gemellaggio con l’isola di Procida. Insistiamo, invece, sulla pulizia della città e sulla raccolta differenziata, rivolgendo anche un appello ai cittadini».

In campo con Antonio Cammarota, perché?

«Perché c’è stata subito sintonia sui temi, siamo sulla stessa linea e condividiamo il medesimo progetto per la città di Salerno. Da sei mesi ormai lavoriamo insieme e stiamo svolgendo un buon lavoro».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *