Il Cav propone la federazione del centrodestra. I dubbi della Carfagna

“Ho riunito su Zoom i vertici di Forza Italia, i membri del governo, i capigruppo e i governatori azzurri: mi sono sentito di nuovo ‘in famiglia’. Cosi’ Silvio Berlusconi sulla sua pagina ‘Facebook’. “Abbiamo parlato – riferisce il presidente del partito – delle grandi sfide che ha di fronte il Governo di unita’ nazionale del quale sono stato il primo promotore, abbiamo approfondito la riforma della giustizia e del fisco su cui stiamo lavorando. In un clima di grande collaborazione e condivisione, abbiamo valutato l’ipotesi di una federazione delle forze del centrodestra”.

Ma c’è la contrarietà della Carfagna e della Gelmini che avrebbero insistito sul percorrere altre strade tra cui rilanciare i valori di Fi e l’anima moderata del partito. Gasparri auspica in una proposta più articolata: “Sono sempre stato fautore del centrodestra unito e salutai con gioia la nascita del Pdl e con dispiacere il suo naufragio. Non sono contrario a una federazione del centrodestra, ma credo che agli elettori vada proposta un’offerta articolata che non cancelli le identita’ di ciascuno. Quindi ben venga un confronto su ipotesi federative, ma senza confusioni e riflettendo sulle esperienze del passato”. La Lega precisa: “Non sarà una annessione, parliamo di federazione, collaborazione, partecipazione, innovazione. Uniti si vince, per il bene dell’Italia e al fianco di Draghi, ognuno con la sua identità e la sua storia, mettendo in comune valori, progetti e un’idea di futuro condivisa, fondata su un’Italia bella, libera, sicura, inclusiva e innovativa, orgogliosa del suo passato ma proiettata nel futuro”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *