foto da infocilento.it

Regione Campania – Competenze sui porti ai Comuni. Per ASSORMEGGI ITALIA la norma è anticostituzionale

Assormeggi Italia vuole vederci chiaro sulle competenze da parte dei comuni in materia di porti. In un comunicato il Presidente Angelo Siclari fa sapere che esiste un conflitto di interessi e dichiara: “Avevamo chiesto qualche giorno fa, agli Uffici competenti della Regione Campania un incontro preventivo per poter discutere sull’opportunità di approvazione dell’emendamento al collegato alla Legge di Stabilità regionale 2021 riguardante la subdelega ai Comuni campani delle competenze in materia di rilascio delle concessioni demaniali marittime all’interno dei porti regionali, facendo opportuna richiesta attraverso i nostri legali campani degli Studi Maffia e Mignone di Salerno. A nostro avviso – dichiara Angelo Siclari Presidente di Assormeggi Italia – Associazione Imprese per la Nautica da Diporto che nel Cilento rappresenta molte realtà imprenditoriali – con l’approvazione dell’ Emendamento al Collegato Stabilità 2021 la Regione Campania avrebbe emanato un atto in spregio all’art. 105 lett. l) Decreto Legislativo n. 112/98, concernente Riparto di competenza sui porti non compresi tra quelli di rilevanza nazionale soggetti alla potestà dello Stato, e all’art. 5 Legge 84/1994 concernente Riordino della legislazione in materia portuale. Appare – continua il presidente – un conflitto di interessi, poiché forti sono i dubbi sull’applicabilità subiecta materia del principio di sussidiarietà che peraltro, ha riscontrato pronunce in senso contrario da parte del Consiglio di Stato, è abnorme: in un porto (di rilevanza regionale o interregionale) il Comune, attraverso il conferimento di questi “poteri” risulterebbe : A) competente a rilasciare concessioni demaniali marittime; B) autorizzato a regolamentare delimitazione e confini; C) può essere destinatario di concessione demaniale marittima nonché affidarla a terzi da una posizione politicamente privilegiata; D) può concorrere con i privati per l’attribuzione di un’area demaniale in posizione di supremazia per effetto della subdelega regionale. Quali tutele per i concessionari e gli aspiranti tali di fronte a questo nuovo quadro giuridicoamministrativo? Come Associazione delle Imprese del Cilento e della Penisola Sorrentina siamo a disposizione degli Uffici Regionali al fine di ottenere opportuni chiarimenti sul modus operandi e sugli effetti che tale subdelega avrà sugli operatori del comparto, avendo peraltro ben illustrato gli uffici regionali sulle norme che, a nostro avviso, sarebbero state in contrasto con il disposto di cui all’emendamento poi approvato e che ad ogni buon fine alleghiamo per maggiore chiarezza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *