LOGOS: I MESSAGGI NASCOSTI DI GESU’

Intervista a CARLO TOTO

di MIRKO CANTARELLA

Ciao Carlo, tu sei uno tra i pochi scrittori che da diversi anni si occupa del tema dell’Apocalisse. Il tuo libro immerge immediatamente il lettore in uno scenario “apocalittico” con le seguenti parole: anno Domini 2020. Tempi difficili vive l’umanità. Crisi economiche, guerre, cambiamenti climatici, terremoti, pandemie, difficoltà nelle relazioni sociali e chi più ne ha, più ne metta. Siamo dunque alla fine dei tempi?

Ciao Mirco, sì è vero, sono tra i pochi scrittori che si occupano di questo particolare tema. Siamo alla fine dei tempi? Questo solo il Creatore può saperlo. Noi studiosi del settore cerchiamo di osservare “i segni”. Ad esempio, nel testo dell’Apocalisse, nel capitolo 6, si descrive l’apertura del quarto sigillo che manifesterà contemporaneamente crisi economiche, guerre e pandemie. Ma il mio libro si sofferma più sulla ricerca dei messaggi nascosti del Cristo, utili alla salvezza ed alla scoperta delle parti più occulte dell’uomo.

Puoi rivelarci qualche anteprima del libro riguardo a quello che si nasconde nei messaggi di Gesù?

Inizio col dire che questo è un libro adatto a tutti coloro che amano la ricerca di un contatto con il Cristo senza intermediazioni. Un viaggio appassionante alla scoperta di una piccolissima parte degli insegnamenti nascosti e rivelati di Gesù che spaziano dalla sapienza spirituale, alla scienza, all’alchimia, alle relazioni d’amore e sociali. Un testo che invita alla ricerca e la scoperta individuale del tempio di Dio che è in noi. Un luogo misterioso ed invisibile, arduo da trovare e percorrere, simile ad un labirinto. Il termine labirinto evoca le parole latine labor intus, che significano lavoro interiore. Non solo una ricerca del senso più profondo dei messaggi di Gesù, ma un cammino che punta ad una meta che rivela l’essenza della vita.

Secondo la tua esperienza, cosa accadrà in futuro qui sulla Terra?

Bella domanda. Credo che si andrà in direzione di una società guidata dall’intelligenza artificiale e la maggior parte di uomini e donne abbracceranno sempre più un culto della personalità vacuo ed egoistico che produrrà ancor più superficialità nei rapporti umani, mentre una minoranza si avvierà verso una conoscenza del senso più profondo della vita. Questi ultimi, collaboreranno per edificare un mondo di benessere collettivo sia sul piano Spirituale che materiale. In ogni caso, secondo le profezie, sarà inevitabile affrontare un periodo oscuro, prima di poter gioire nella luce con il ritorno del Messia. Ovviamente, la Terra Promessa della Vita Eterna sarà sempre un luogo riservato a chi avrà superato la prova del Giudizio Universale.

Un consiglio per affrontare questi tempi difficili.

Più che un consiglio, preferisco lanciare un invito. Impariamo ad ascoltare noi stessi, ma per farlo, abbiamo necessità di ascoltare il prossimo. Ognuno di noi combatte in silenzio battaglie che non conosciamo: paure, solitudine, tristezza, ansia e tanto altro e spesso noi giudichiamo piuttosto che aiutare. Addestriamoci a camminare insieme per vivere e condividere gioie e dolori. Abbiamo bisogno di empatia. Che cos’è l’empatia? È la capacità di comprendere lo stato d’animo altrui, ovvero di “mettersi nei panni dell’altro”. È inevitabile discutere ed avere opinioni diverse, ma l’importante è dialogare e rispettarsi. Sprechiamo troppo tempo a giudicarci, per questo non abbiamo abbastanza tempo per amarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *