Doppio Zero: il coraggio di investire nel periodo del Covid in nome del Made in Italy

Chi ha risentito di più delle chiusure come misura in difesa del contagio da coronavirus, sono indubbiamente i ristoratori. Sono tanti, troppi, ora i mesi di chiusura delle attività e l’apertura degli stessi fino alle ore diciotto, non è un’idea che rincuora gli stessi. La maggioranza degli operatori di questo settore si definisce “Vittime di un accanimento inspiegabile da parte dello Stato”, prima incazzati ma ora addirittura stupiti di questo atteggiamento delle istituzioni nei confronti della categoria. Ma c’è chi ha avuto davvero un atto di coraggio, contro tutte le avversità, nell’investire in questo periodo perché sicuri che dopo la crisi ci sarà la ripresa ed anche per mantenere alto il Made in Italy di cui la maggior parte di ristoranti e pizzerie nostrane sono portatori. Tra i tanti Simone Cardella merita una giusta attenzione. Giovane salernitano ma già con esperienza ultra decennale nell’arte della pizza. Tanti premi vinti come la Vesuvio Cup per la pizza senza glutine; la Coppa Italia Pizza di qualità riservata alla pizza in pala; il Trofeo Internazionale del calzone DOC; il Trofeo Internazionale Etica professionale; Uno di quelli che in campo mettono professionalità e molta attenzione nella scelta delle materie prime per realizzare quella vera e propria arte riconosciuta come parte del patrimonio culturale dell’umanità dall’UNESCO: sua eccellenza la PIZZA.

Dopo aver lavorato in città, aver avuto esperienze all’estero e in giro per l’Italia, ha deciso di fermarsi nella sua Salerno ed aprire, in un periodo critico come quello storico che stiamo vivendo, con grande decisione e dedizione al lavoro, la sua attività chiamata “Doppio Zero” in piazza Gian Camillo Gloriosi a Torrione una zona che prima del periodo del lookdown era in fase di crescita dal punto di vista commerciale e sempre amata dai salernitani per la sua posizione. “Ho deciso di aprire questa pizzeria per mettere al servizio della mia città, la mia esperienza e riuscire a dare un prodotto di qualità a prezzi accessibili a tutti” – ha detto Cardella. Un menù molto vario dalle pizze classiche alle speciali, ai fritti e dove sicuramente balzano agli occhi i ripieni, la buonissima pizza Doppio Zero con mozzarella di bufala, pomodorino giallo, ciuffi di ricotta, porcini e speck ed anche la novità delle pizze dolci tra cui la Bueno. Non resta che assaggiare le specialità di Doppio Zero, sia in loco che a domicilio con consegna gratuita e di aiutare i nostri ristoratori salernitani ad andare avanti e a mantenere alto il nome del Made in Italy.

https://www.facebook.com/pizzeriadoppiozerosalerno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *