Salernitana torna al successo battendo all’Arechi il Pescara per 2-0 e ritorna al secondo posto in classifica

Torna al successo la Salernitana che dopo tre k.o. di fila e ritrova il secondo posto in classifica dietro l’Empoli (a -3 dall’Empoli e +1 sul Cittadella). La partita la fanno i granata tutta nel primo tempo contro un Pescara dell’ex Breda troppo lento e con poche idee. Inizia la gara e la prima azione di nota è per i granata al 7’ con Gondo che passa a Capezzi che in corsa impegna Fiorillo in angolo. Dal corner arriva il primo gol della Salernitana. Siamo all’8’, batte Cicerelli, prolunga Casasola per Djuric che di testa serve Gondo che si allunga e di destro mette la palla in gol. Prima rete del campionato quest’anno per l’attaccante granata. Il Pescara ci prova al 14’ con Galano da fuori ma la palla è sopra la traversa. Due minuti dopo è l’ex Maistro da fuori a provarci ma non inquadra la porta. Al 25’ errore di Ceter che perde palla mentre gli abruzzesi si portano in avanti, Cicerelli intercetta e corre verso la porta, si porta la palla sul destro in area di rigore e batte Fiorillo per la seconda volta. Al 31’ ancora Galano con una bella palla a giro che fa la barba al palo. Al 35’ punizione di Di Tacchio, testa di Bogdan e palla in angolo. Un minuto dopo Memushaj ci prova ma la palla è alta. Sul versante opposto Gondo serve Capezzi che da fuori calcia ma la palla sfiora il palo. Al 41’ è Maistro che tira una bordata non lontano dal palo. Prima del fischio del signor Marino è Mantovani di testa a mettere la palla poco alta.

Tra primo e secondo tempo ai microfoni di DAZN c’è Emanuele Cicerelli, anche lui al primo gol in questo campionato che dedica il gol ai suoi compagni che non giocano: “Il gol è dedicato a tutti i miei compagni, soprattutto a quelli che non giocano e vogliono dare il loro contributo. Noi li sentiamo e la mia esultanza è per loro”.

Nel secondo tempo al 9′ st Ceter parte in velocità lasciando dietro Bogdan e Di Tacchio, la passa a Galano che in corsa tira di sinistro e Belec salva. Due minuti dopo ancora Galano pericoloso di testa. Al 14’ Gondo la da a Casasola che da fuori area tira e la palla sfiora l’incrocio dei pali. Un minuto dopo cross di Casasola, sponda di Coulibaly, la palla arriva a Djuric che la piazza ma Fiorillo para. La partita si avvia alla fine con i granata che portano i tre punti a casa sfatando anche il tabù Marino. Infatti con il fischietto romani nei precedenti sette incontri la Salernitana aveva racimolato 5 sconfitte e 2 pareggi. Il Pescara, da rivedere in fase difensiva, torna a casa con il penultimo posto e la peggior difesa del campionato (32 gol subiti in 19 partite).

TABELLINO

SALERNITANA (3-5-2): Belec; Bogdan, Gyombér, Mantovani (38′ st Aya); Casasola, Coulibaly, Di Tacchio, Capezzi (38′ st Schiavone), Cicerelli (29′ st Kupisz); Gondo (25′ st Giannetti), Djuric (38′ st Tutino). A disp. Adamonis, Lopez, Iannoni, Barone, Veseli. All. Castori

PESCARA (3-5-2): Fiorillo; Sorensen, Bocchetti, Jaroszynski (38′ Machin); Bellanova (18′ st Balzano), Memushaj (35′ st Asencio), Valdifiori, Maistro (18′ st Omeonga), Nzita; Galano, Ceter (35′ st Odgaard). A disp. Alastra, Masciangelo, Drudi, Guth, Fernandez, Busellato, Vokic. All. Breda

Arbitro: Marini di Roma 1 (Palermo/Massara). IV uomo: Marchetti di Ostia Lido

Diretta: DAZN

Note: Marcatore: 8′ Gondo, 25′ Cicerelli: Ammoniti: Mantovani, Gondo, Casasola, Giannetti (S), Maistro, Machin (P); Angoli: 4-6; Recupero: 3′ pt, 7′ st

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *