D’Alessio, Gallo, Naddeo, Pessolano, Ventura e Mazzeo lasciano la maggioranza e attaccano Napoli: “È lui che ha abbandonato rappresentanti dei cittadini”

“La maggioranza a Palazzo Guerra si sgretola. Con una nota stampa – infatti – alcuni consiglieri che fino ad oggi erano tra le file della maggioranza di Enzo Napoli, hanno dichiarato di prendere le distanze da quest’ultimo.

A meno di 48 ore dalla fine di un 2020 travagliato sotto ogni punto di vista, il Comune di Salerno si appresta a vivere l’ultima seduta del consiglio comunale in in clima decisamente pesante per la giunta guidata dal sindaco Vincenzo Napoli. I consiglieri comunali Antonio D’Alessio, Leonardo Gallo, Corrado Naddeo, Nico Mazzeo, Donato Pessolano e Giuseppe Ventura – per chiarezza estrema verso gli elettori e l’intera città di Salerno – hanno deciso di prendere le distanze dall’attuale maggioranza, al termine di un percorso doloroso quanto inevitabile. Con questa decisione si sancisce de facto il “fallimento” politico del progetto – si legge nella nota – amministrativo nato con le elezioni del 2016, che sulla carta avrebbe dovuto coinvolgere in modo attivo tutti i consiglieri eletti, ma che in realtà si è ben presto trasformato in un mero dettato politico da eseguire senza poter contribuire affatto alla crescita ed al benessere della collettività salernitana.

“La consiliatura iniziata nel 2016 – scrivono i consiglieri – ci ha visti convinti di poter offrire il nostro contributo – in modo personale ed originale – ad una esperienza amministrativa che, per molti anni, ha soddisfatto pienamente i salernitani. Lo abbiamo fatto in buona fede, certi delle promesse elettorali del Sindaco Napoli, che abbiamo finora sostenuto rinnovandogli di continuo la nostra fiducia. Oggi, con amarezza e dopo ripetute delusioni, dobbiamo riscontrare da parte di chi avevamo sostenuto con entusiasmo, un metodo diametralmente opposto rispetto a quanto ci era stato prefigurato, metodo che di fatto relega in un angolo tutte le energie e le risorse di chi vuole contribuire a scrivere la Salerno del futuro. Nel corso di questi anni ci siamo resi conto dell’assoluta inutilità di produrre iniziative di approfondimento e comprensione delle decisioni strategiche, finalizzate unicamente a tutelare gli interessi pubblici. Un metodo gestionale non inclusivo che ha mortificato tutti noi e che pesa in modo evidente sull’intera comunità”.

Ciò che ha determinato la “frattura” politica è stato in buona sostanza il tentativo di costringere il consigliere comunale a svolgere un ruolo assolutamente marginale nei percorsi decisionali di Palazzo di Città, con il principale – se non unico – compito di approvare le azioni della Civica amministrazione con la ratifica in consiglio comunale. In pratica i consiglieri comunali sono stati esautorati di ogni potere, venendo mendo ai principi naturali della vita democratica vigente in questo Paese. Si è assistito all’abolizione del Difensore civico ed a numerose decisioni come le questioni di sicurezza del viadotto Gatto, lo spostamento del capolinea Busitalia da via Ligea a via Vinciprova, tutte “imposte” dalla giunta Napoli, contro il volere di tutti gli abitanti delle zone interessate e di buona parte dei Consiglieri stessi. Fino ad arrivare alle recenti polemiche in merito al restyling di Piazza Alario, con ricorso al Prefetto, al fine di inserire l’argomento all’ordine del giorno del consiglio comunale di domani.

Siamo arrivati a questa decisione – concludono i consiglieri firmatari del documento – consci che ogni nostro sforzo nel voler contribuire alle decisioni pubbliche è stato considerato inutile e addirittura dannoso. Abbiamo più volte sottolineato in consiglio comunale tutte le nostre perplessità su argomenti di grande rilevanza per la collettività, come le spese per l’igiene pubblica (30 milioni di euro con risultati deludenti), la sicurezza dei quartieri (con la città praticamente abbandonata dal tramonto in poi), l’utilizzo dei fondi pubblici per associazioni, assegni di cura e contributi abitativi (per cui occorrerebbe massima attenzione), la gestione delle società partecipate, i costi della stagione del teatro Verdi, la rivisitazione dell’evento Luci d’Artista, la mancata inaugurazione dell’Auditorium ed infine la vicenda delle cooperative sociali e della manutenzione del verde pubblico (questione delicatissima per la quale non abbiamo ricevuto alcun ascolto e che oggi è addirittura oggetto di indagini da parte della Procura della Repubblica). La città e la sua gente meritano di tornare ad una gestione della cosa pubblica basata sull’esercizio democratico, dove al centro ci siano il cittadino e le sue esigenze quotidiane. Vogliamo andare oltre, proponendo un nuovo metodo di Governo: partecipato, plurale e inclusivo, per scrivere insieme le pagine di un nuovo libro chiamato Salerno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *