Celano: “Piena solidarietà ai ristoratori e baristi”

Venerdì il Governatore ha dissertato in soliloquio per un’ora senza praticamente dire nulla. Solo nel primo pomeriggio di sabato ha poi comunicato che i ristoratori  dovranno continuare a  restare chiusi. La maggior parte degli esercenti, che già vivono una condizione di grave difficoltà essendo tra le categorie più vessate, si erano nel frattempo già riforniti, avevano investito per organizzare il pranzo domenicale e per essere pronti per i pochi giorni di apertura concessi dai provvedimenti nazionali. Non è tollerabile che chi rappresenta le Istituzioni possa assumere provvedimenti di cui, pur senza entrare nel merito, appare molto discutibile la tempestività ed appaiono evidenti gli ulteriori danni prodotti. Nel contempo si vieta ai bar di somministrare perfino il caffè dopo le 11, autorizzandoli in pratica ad aprire per vendere solo acqua!

Appaiono, dunque, comprensibili le proteste degli imprenditori e le contro ordinanze con cui i sindaci di Capri ed Anacapri consentono, dal 20 al 23 dicembre, le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) dalle ore 5 fino alle ore 18, e il consumo al tavolo per un massimo di 4 persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi. FACCIA LO STESSO IL SINDACO DI SALERNO DIMOSTRANDO PER UNA VOLTA AUTONOMIA AMMINISTRATIVA!

Si governano le comunità con provvedimenti tempestivi, con il buon senso che dovrebbe ispirare l’azione amministrativa di chi decide, soprattutto in periodi di grave difficoltà e di emergenza sociale. Il protagonismo ad ogni costo finisce solo per arrecare danni e fratture sociali insanabili!

Roberto Celano – Consigliere comunale FI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *