Salzano (Radicali): “Il comune di Salerno consegna in ritardo i buoni spesa”

“Certo a Salerno nessuno resta solo, peccato che gli ultimi tra ultimi e quelli che si sono aggiunti con questa emergenza pandemica, divenuta ben presto catastrofe economica oltreché umanitaria, si stanno vedendo consegnare in queste ore, per chi è andato bene dopo sei mesi (luglio), invece chi ha avuto la sventura di avere la peggio, ha dovuto aspettare ben nove mesi (aprile)”. La denuncia è di Donato Salzano, segretario cittadino dei Radicali di Salerno.

“Contemporaneamente – spiega Salzano – le altre amministrazioni comunali della Provincia di Salerno, con in testa l’efficientissimo sindaco Valiante di Baronissi, con procedimenti celeri hanno distribuito prima e stanno consegnando velocemente il secondo ristoro di buoni in queste ore prossime al Natale. Appunto il bis dei “BUONI SPESA COVID” relativi al finanziamento per gli aiuti alimentari e di prima necessità del recente “DECRETO RISTORI TER” di novembre, trasferiti per tempo dal Governo a tutte le amministrazioni comunali con precisi obblighi di celerità e urgenza, che nelle more il Comune di Salerno rischia di perdere se nelle prossime ore la giunta non delibera urgentemente una variazione di bilancio”.

Caro Sindaco, caro Enzo, tu sai che noi giochiamo il possibile contro il probabile e nonostante siamo contrari all’intervento dello Stato in economia (figurarsi interventi a pioggia), ma davanti a questa crisi dalle proporzioni fino a ieri inimmaginabili come Ernesto Rossi ci mettiamo al capo della ricostruzione.
Ci pre-occupa tantissimo il Covid che si sta diffondendo nelle “Comunità Penitenziarie” e alla nostra di Fuorni, tanto che Rita Bernardini sta conducendo da oltre un mese uno sciopero della fame di dialogo e proposta, siamo certi per di più che in questo momento terribile i detenuti e le loro famiglie residenti non siano neanche stati ristorati con i buoni spesa di cui pur avrebbero tanto bisogno. Per questo se non l’hai già fatto ti chiediamo con la forza e l’amore della nonviolenza di convocare ad horas la giunta municipale per deliberare la necessaria variazione di bilancio richiesta dalla legge (art.2 d.l. n.154/2020) e permettere agli uffici di riaprire celermente i termini del bando, cosi prima della vigilia di Natale da far accedere gli ultimi tra gli ultimi che siano essi ristretti o liberi al beneficio dei buoni spesa”
, scrive Salzano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *