Lumumba l’amico del Napoli e di Maradona

Di MIRKO CANTARELLA

Questo è il ricordo di Gaspare Lucibello, figlio del più conosciuto Lumumba (così veniva chiamato), amalfitano di origine ma che nel periodo di Maradona al Napoli aveva un ristorante a Brescia per l’appunto “La Lumumba”. Un’attività che dal 2005, dopo più di 20 anni di vita, ha chiuso i battenti. Qualche anno fa Lumumba ha lasciato la vita terrena ma la storia non si dimentica e tutti lo ricordano per la sua simpatia, professionalità e passione per il Napoli calcio tanto che, Carlo Iuliano, ex addetto stampa della società partenopea lo ha ricordato proprio come l’amico del Napoli. Fu lui, amico di famiglia a fargli conoscere i tanti del Napoli tra cui anche Diego Armando Maradona. Erano i tempi d’oro quando El Pibe de Oro vinse due scudetti, una Coppa Uefa e un Mondiale; si proprio quello della Mano de Dios del 1986. Tutte queste vittorie sono state festeggiate di rito alla Lumumba, quando Gaspare era poco più di un ragazzino ma che ricorda quei momenti come unici e speciali e non con un po’ di magone. “Diego nell’occasione dei mondiali mi regalò la sua maglia – ricorda Gaspare – e ricordo anche quando Maradona regalò a tutto il Napoli calcio un orologio e per amicizia lo regalò anche a mio padre”.  Quando il Napoli partiva durante il ritiro estivo di Storo, in Trentino, di li si scappava a Brescia per andare a salutare gli amici di sempre, la famiglia Lucibello. E passarono davvero tutti, da Iuliano, ai calciatori, a Ottavio Bianchi a Pietro Mosca, a Pino Iodice e a Gigi Amato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *