Parte il totorettore: cinque in lizza per il dopo Tommasetti

di Andrea Pellegrino

La parola d’ordine di quasi tutti i candidati alla carica di Rettore dell’Università degli Studi di Salerno – per la successione ad Aurelio Tommasetti – è «ascolto». Quasi tutti rimarcano la necessità di un maggiore partecipazione e serenità.

Come Ciro Aprea, attuale membro del consiglio d’amministrazione che apre il suo programma elettorale con lo slogan “E’ ora di realizzare un rettorato dell’ascolto”. Ed è più incisivo nelle conclusioni: «Il nostro Ateneo ha vissuto, negli ultimi anni, alcuni processi divisivi che non hanno giovato alla serenità che deve contraddistinguere un ambiente di lavoro come il nostro: grande impegno, pertanto, dovrà essere rivolto alla ricomposizione di talune divisioni sempre nel rispetto delle legittime esigenze di ogni parte coinvolta, puntando sull’ascolto e su un confronto serio e costante di tutte le posizioni».

Auspica un clima più sereno anche Genoveffa, detta Genny, Tortora: «Sarò sempre disponibile al dialogo e al confronto con quanti vorranno impegnarsi costruttivamente per il bene della nostra Università, senza alimentare sterili e dannose contrapposizioni, con l’orgoglio di far parte della grande Comunità accademica».

Maurizio Sibilio punta sul “Valore della comunità e la forza dell’identità” ma anche sull’ascolto e sul dialogo: «La riscoperta del dialogo interno rappresenta la valorizzazione del campus, inteso non soltanto nella sua concezione spaziale, ma prevalentemente in quella culturale, condividendo ogni giorno le medesime strutture e promuovendo l’incontro progettuale tra professionalità, generazioni e saperi». Una governance – scrive nel suo programma – «plurale e partecipata. L’affermazione del valore di comunità richiede un Rettore dell’ascolto, rivolto costantemente al confronto, capace di recepire la dimensione costruttiva della critica, che agisca la sua visione sul valore della differenza e sulla dignità della persona, che interpreti una forte pedagogia dell’esempio».

Sguardo rivolto alla facoltà di medicina per Mario Capunzo che ne è stato il direttore.
«L’attuale dipartimento di Medicina è fortemente sottodimensionato dal punto di vista numerico di docenti e ricercatori, rispetto alla media nazionale delle analoghe realtà di altri Atenei». Ed ancora: «La trasformazione del Ruggi d’Aragona in azienda ospedaliera universitaria non ha consentito di assicurare in maniera sufficiente i requisiti richiesti per lo svolgimento delle attività assistenziali finalizzate alla didattica e alla ricerca. E’ necessario, senza attendere i tempi lunghi della costruzione del nuovo ospedale, trovane nell’immediato le risposte adeguate nelle strutture esistenti attraverso la progettazione di uno o più padiglioni da dedicare esclusivamente all’Università».

Infine, Vincenzo Loia che inaugura lo slogan “noi siamo Unisa”: «È mia ferma intenzione, per garantire la partecipazione, ascoltare le argomentazioni di tutte le componenti dell’Ateneo, organizzando con cadenza annuale un incontro in ogni dipartimento e struttura amministrativa. Una governance partecipata e condivisa rende più facile la programmazione ed è il metodo di lavoro attraverso il quale si possono sviluppare, in una prospettiva di ampio respiro e di lungo periodo, i tre grandi campi di azione dell’università: didattica, ricerca e terza missione. In tal senso diviene importante sviluppare immediatamente il nuovo piano strategico dell’Ateneo partendo dall’ascolto di tutte le componenti della comunità»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *