Caro Benzina; Sica: “Evitare l’immobilismo, serve l’unione di tutte le forze politiche, servono risposte concrete!”

di MIRKO CANTARELLA

Tiziano Sica, consigliere comunale in seno all’amministrazione di Pellezzano non ci sta all’aumento della benzina che sta causando difficoltà enormi in questi giorni e che provocherà dall’inizio della prossima settimana una mobilitazione generale degli autotrasportatori. “Ormai non è una novità l’aumento del costo del carburante oltre all’aumento del gas e dell’energia, sembra una costante ma quest’ultima è dovuta alla mancanza di centrali nucleari per la produzione e la limitata disponibilità di energia alternativa – commenta Sica – A tal proposito da qualche giorno sono state riaperte le Centrali a carbone per soddisfare il Fabbisogno e limitare i costi. ma in questi giorni il Costo del carburante ha toccato il picco massimo siamo oltre i 2 euro al litro, causa guerra Russia Ucraina.

L’Italia è uno dei pochi se non l’unico ad aver aumentato i costi. Credo sia opportuno l’intervento di tutte le forze politiche sia di maggioranza che di opposizione non solo a livello Nazionale, ma, anche a livello Europeo, per evitare un immobilismo che costringerà come sta accecando in queste ore pescatori, autotrasportatori, navi ecc a fermarsi facendo salire il costo delle materie prime”. Secondo Sica questa nuova crisi economica impatterà su tutti i settori e potrebbe essere una tragedia per l’economia nazionale: “Questa crisi comprometterà sicuramente anche il turismo nella stagione estiva, decretando la chiusura di altre strutture ricettive e l’aumento dei viaggi all’estero. Non servono bonus fittizi, servono soluzioni concrete come abbassare l’IVA sul carburante, per abbattere aumento dei costi della materia prima imposti dalle case produttive. Questa potrebbe essere una soluzione attuabile da domani mattina. Servono risposte concrete e attuabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *