Bicchielli: “Il Sud deve essere capace di competere a livello internazionale”

“L’occasione del Pnrr non va colta per ripianare i conti della malagestione, ma per porre le basi di un rilancio che colmi il gap con il Nord e valorizzi le risorse del Mezzogiorno. Dobbiamo puntare a rendere il Sud capace di crescere e competere, anche a livello internazionale. È in quest’ottica che l’autonomia differenziata può invece rappresentare un ulteriore strumento di sviluppo, per la flessibilità e l’agilità con cui gli enti locali possono intervenire. Certo è necessario avere amministrazioni capaci ed efficienti. Quello che purtroppo spesso è mancato è che i cittadini hanno pagato sempre di più con il principio della spesa storica, ora superato, in base al quale le risorse erano sempre più ridotte laddove non c’era capacità di spesa. Mi rendo conto possa far paura a chi in un sistema di sussidi clientelare ha costruito il proprio potere. Finalmente le cose possono cambiare, si può finalmente valorizzare il patrimonio culturale e naturale, realizzando le infrastrutture e i collegamenti necessari, si possono creare hub di logistica internazionale per rendere il Sud la porta delle merci per l’Europa, si possono creare le condizioni perché la creatività dei giovani e l’inventiva imprenditoriale trovino spazio. Anche grazie ad amministrazioni attente e con i poteri per intervenire nell’immediato. Basta pensare al Sud come una terra povera e destinata a rimanere per sempre a traino delle altre regioni, riprendiamoci il futuro”. Lo dichiara Pino Bicchielli (Noi Moderati) candidato alla Camera per il centrodestra nel collegio uninominale Campania2 – Salerno. “I fondi del Pnrr potranno essere utilizzati per lo scalo aeroportuale Salerno – Costa d’Amalfi, opera strategica per la provincia di Salerno così come per il territorio regionale ma in Campania occorre un cronoprogramma dettagliato che possa indicare quali necessità della regione che oggi paga lo scotto di numerose problematiche, ancora irrisolte, a partire dalla sanità pubblica, tanto per fare un esempio”, ha poi aggiunto il candidato Pino Bicchielli. Tra le proposte avanzate quella di sfruttare i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza in arrivo per realizzare, finalmente, una sanità territoriale, di prossimità: “L’emergenza pandemica in Campania ha evidenziato tutte le falle di un sistema sanitario carente sotto troppi punti di vista, commissariato – a livello regionale – per anni e oggi senza margine di miglioramento, sotto tanti punti di vista; case di comunità e poliambulatori sono la soluzione a portata di cittadino – ha poi aggiunto il candidato di Noi Moderati – non possiamo permetterci di sprecare fondi in iniziative che non portano alcun beneficio alla cittadinanza, dobbiamo essere precisi e concreti perché è necessario un cambio di passo, a livello locale, provinciale, regionale ma soprattutto nazionale. I cittadini devono credere in un Paese migliore, a noi il compito di impegnarci per concretizzare il progetto più ambizioso per la nostra Salerno, per la Campania e per l’Italia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *