Madonna del Carmine, la festa salernitana tra musica e la tradizione floreale di “Giardino Cibelli”

Anche quest’anno, dopo una pausa durata due anni a causa della pandemia, ha avuto luogo la tradizionale e solenne processione della Madonna del Carmine. L’evento è stato presieduto dal Rettore dell’Arciconfraternita SS. Maria del Carmine del Santuario di Salerno. La solenne giornata dedicata alla Madonna del Carmine “plenipotenziaria” del Purgatorio che “ha nelle sue mani tutte le grazie e i poteri per liberare dal Purgatorio chi vuole”, si è svolta secondo un programma intensissimo che ha animato l’intero e vino Rione Carmine fino a tarda sera. 

Il repertorio musicale, affidato allo Storico “Gran Concerto Bandistico” della Città di Salerno diretto dal Maestro Luca Gaeta ha allieviato il caldo e la fatica della lunga processione, quella sofferenza d’amore che è la caratteristica delle anime del Purgatorio protette dalla Madonna del Carmine.

Una nota speciale va allo splendido addobbo floreale nel triduo curato, anche in questa occasione, dalla ditta “Giardino Cibelli” di Francesco Rocco. In ricordo dell’indimenticato maestro fiorista Vincenzo Cibelli, il nipote Francesco Rocco continuerà a portare avanti la tradizione floreale della famiglia, contribuendo a rendere sempre più importante e notevole l’arte floreale in nome della Famiglia Cibelli, presente sul territorio salernitano dal 1913.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *