Conti in rosso a Salerno, debiti per 1500 euro a cittadino. Stretta su evasione e patrimonio

Mancate vendite, mancati incassi. Il Comune di Salerno chiude con un disavanzo tecnico di 169 milioni di euro il suo conto consuntivo. Il provvedimento finanziario è stato approvato dalla giunta comunale e ora dovrà passare all’esame del Consiglio comunale. I residui attivi (crediti non riscossi) restano il maggior peso sulle casse comunali. D’altronde, sono anni che i revisori dei conti lanciano l’allarme rispetto ai mancati introiti, molti dei quali sono stati e saranno cancellati per prescrizione. Dalle carte, infatti, l’amministrazione comunale conta un fondo di crediti di dubbia esigibilità pari a 197 milioni di euro circa. Nell’esercizio scorso sono stati cancellati già 380mila euro di crediti iscritti in cartelle fino a 5000 euro dal 2000 al 2010. «Nel 2021 – si legge nella relazione tecnica che accompagna il bilancio – si è registrata una consistenza di residui attivi pari a 457 milioni di euro circa». Un ammontare che pesa sulle casse comunali e sulla composizione, dunque, degli atti finanziari. Entrate che sono diminuite anche a causa del Covid. L’emergenza sanitaria, infatti, ha portato una contrazione di meno 4 milioni e 500mila euro di imposte e tasse e di 2 milioni e 257mila euro di entrate extratributarie a fronte di un aumento di spesa di 800mila euro di acquisti di beni e servizi.
Il Sole 24 ore, qualche giorno fa, aveva individuato Salerno come città a rischio, sotto il profilo economico finanziario. Un debito che il quotidiano economico ha quantificato come 1500 euro ad abitante. Una situazione di crisi che coinvolge anche Lecce, Chieti e Potenza e per le quali il governo starebbe valutando un nuovo provvedimento “Salva Città”, sullo stile di Napoli e Reggio Calabria.
Il piano dell’amministrazione comunale anche per la composizione del nuovo bilancio di previsione verterebbe su due direttrici: una stretta all’evasione con un robusto intervento di recupero delle somme ancora non prescritte e una revisione del patrimonio, quest’ultimo altra nota dolente, più volte segnalata dal collegio dei revisori dei conti. Una ricognizione e una revisione dei fitti di immobili comunali, alcuni concessi a prezzi stracciati, anche in zone centralissime della città. Un nuovo regolamento approntato dagli assessorati al bilancio e alla trasparenza. Nei prossimi giorni ci sarà la convocazione della seduta del Consiglio comunale per l’esame del conto consutivo mentre si lavora alla redazione del previsionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *