Coop, il Tar sospende gli atti (di revoca) del comune: “Rilevante impatto sugli interessi pubblici alla continuità dei servizi di manutenzione”

Andrea Pellegrino

Sospeso il provvedimento di revoca dell’appalto alle cooperative di Salerno, finite al centro di una inchiesta giudiziaria che ad inizio ottobre portò in manette uno dei protagonisti del sistema delle coop salernitane, Fiorenzo Zoccola. Il Tar di Salerno si è pronunciato sul ricorso presentato dalla 3 SSS (Servizi Sociali Salernitani) tra le otto cooperative finite sotto i riflettori della Procura della Repubblica di Salerno e successivamente al centro di un tira e molla con l’amministrazione comunale che ha proceduto, nei giorni successivi alla bufera giudiziaria con la revoca degli appalti. In sede cautelare la giustizia amministrativa ha accolto la tesi della coop, consentendo la prosecuzione dei servizi ma nel contempo “consentendo l’avanzamento della nuova procedura in corso”. Insomma l’amministrazione comunale potrà comunque procedere con il nuovo bando, finito, anch’esso, al centro di polemiche politiche e non solo. « Il provvedimento di revoca adottato dal Comune, risultando altresì sospesa l’esecuzione anticipata dei servizi, ha rilevante impatto sugli interessi pubblici alla continuità dei servizi di manutenzione, alla fruibilità degli spazi pubblici a vantaggio della comunità locale, alla tutela dell’occupazione e dell’integrazione sociale e professionale delle persone svantaggiate o con disabilità nonché sull’interesse della ricorrente al mantenimento dell’esecuzione dei medesimi servizi quale principale fonte di ricavi e mezzo di conservazione dei livelli occupazionali», scrive il Tar che prosegue nel dispositivo: « la nuova procedura avviata è in fase iniziale, non essendo ancora scaduto il termine di presentazione delle offerte, e la programmazione dei relativi tempi di aggiudicazione è compatibile con la prosecuzione dei servizi da parte della ricorrente».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.