L’inchiesta sui mercatini e l’organizzazione per Pasqua

di Brigida Vicinanza

E’ il 5 aprile del 2017, Ciro Pietrofesa chiama Francesco Ferrara di Buongiorno Italia per definire l’orario del montaggio delle casette fittate per la manifestazione di Pasqua. Alle 9 lo stesso Pietrofesa dice di dover presenziare ad una riunione al Comune di Salerno. Ferrara – che vede in Pietrofesa il suo tramite con Palazzo di Città – gli chiede come intenderà muoversi il Comune per l’organizzazione delle manifestazioni natalizie sperando che non si arrivi all’ultimo momento come accaduto già in passato. Pietrofesa anticipa che l’amministrazione farà qualche delibera entro la fine del mese di maggio, che ha lo scopo di definire il funziona- mento e le assegnazioni dei mercatini ed altre manifestazioni in genere. Lo stesso sarebbe in possesso del regolamento di un bando in cui – per sommi capi – si dice che alla fine di ogni anno tutte le associazioni possono presentare dei progetti per le manifestazioni. “Ferrara fa una serie di domande e Pietrofesa spiega che c’è una differenza rispetto al pagamento della Tosap se si tratta di associazioni partecipanti o società ma per altri dettagli bisogna attendere la definizione del regolamento. Nel regolamento, infatti, l’amministrazione avrebbe posto delle direttive ben precise – si legge nelle carte redatte dagli inquirenti – per l’assegnazione per Natale tra cui la frequenza dell’associazione che ha partecipato a quel tipo di manifestazione”. Ferrara però vuole arrivare al sodo e senza farla lunga, domanda a Pietrofesa: “se due società presentano lo stesso progetto a chi viene assegnato?” Pietrofesa risponde: “I criteri sono quelli della frequenza del progetto e se si parte da zero la qualità che scaturirà da alcuni parametri istituiti all’interno del regolamento.” Ferrara: “Il Natale chi lo farà quest’anno?”. Pietrofesa risponde che non pensa faranno il bando perché hanno capito che lo possono fare”. Ferrara incalza, perché vuole essere certo e avere anche in quell’anno il “posto” assicurato: “Ma secondo te chi lo fa quest’anno il Natale?”. “Eh ma sempre tu lo devi fare Francesco.. chi lo può fare…ma non c’è nessuno a Salerno che può fare quel tipo di manifestazione… non c’è una organizzazione tale da poter fare quel tipo di discorso”. Si dovrebbero unire tutte le associazioni di categoria secondo Pietrofesa. Ma Ferrara domanda ancora a Pietrofesa cosa stesse organizzando per Pasqua e Pietrofesa, quasi a sminuire la portata della manifestazione dice: “Ma no… mettiamo queste quattro bancarelle.. sciartapelle e cose… ma comunque se vuoi venire… ti prendi pure tu una casetta.. sta là.. che vuoi da me Francè.. a disposizione eh”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.