Ordinanza chiusura scuole; Tar boccia De Luca e la Regione Campania: “Non era legittimato a scavalcare la normativa nazionale”

In un comunicato stampa l’Associazione Scuole Aperte Campania esprime somma soddisfazione per la dichiarazione di
illegittimità delle ordinanze della Regione Campania in merito alla chiusura generalizzata delle scuole accogliendo i due ricorsi presentati dal genitori degli alunni delle scuole elementari, medie e superiori e dal Codacons, per il tramite degli avvocati Matteo Marchetti e Laura Clarizia, e degli alunni delle scuole elementari e medie, per il tramite dell’avv. Luciano Butti, in rappresentanza dell’Associazione Scuole Aperte Campania (già Coordinamento Scuole Aperte Campania). Il Tar ha dichiarato che la Regione Campania non era legittimata a “scavalcare” la normativa nazionale, che già aveva operato un bilanciamento tra diritto alla salute e diritto all’istruzione sulla scorta dell’assegnazione delle “fasce” di rischio e, pertanto, pur non disponendo il risarcimento del danno ai ricorrenti, ha legittimato la richiesta di risarcimento dei danni subiti dai minori coinvolti, condannando “simbolicamente” la Regione alle spese di lite per quanto riguarda il primo ricorso. “Finalmente è stata ridata voce a tutti i minori Campani che, a causa di tale illegittima disposizione, hanno subito danni, spesso irreparabili” – conclude il comunicato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *