Vincenzo Napoli torna a parlare alla stampa: “Noi stiamo lavorando, aspettiamo conclusione dei riconteggi per proclamazione degli eletti”

Il sindaco Vincenzo Napoli torna a parlare alla stampa dopo settimane di silenzio e l’acceso confronto di ieri con i dipendenti delle cooperative sociali in presidio permanente sotto i portici di Palazzo di Città. Questa mattina, al Teatro Verdi, la conferenza stampa di presentazione della stagione lirica e di concerti 2021/2022 che riparte dopo lo stop legato alla pandemia e sarà prolungata fino a marzo 2022. Il primo cittadino, dalla sua rielezione, sembra voler tracciare un nuovo percorso per l’avvio del secondo mandato di consiliatura rilanciando la cultura in città e il ruolo di Salerno nel panorama artistico-culturale nazionale. A margine dell’appuntamento, Napoli ha fatto il punto sull’attività dell’amministrazione comunale respingendo le critiche piovute sul Comune anche in virtù della bufera giudiziaria che ha rallentato l’azione politica-amministrativa della maggioranza. “Noi stiamo lavorando” ha ripetuto per ben tre volte Vincenzo Napoli “mentre gli altri chiacchierano solamente” continua il primo cittadino ribadendo la sua “fiducia esagerata nella magistratura e proprio per questo sono sicuro di poter essere sicuro”. “Stiamo aspettando che si concludano le operazioni al Seggio centrale così convocheremo la proclamazione degli eletti e del consiglio comunale per dare il via alla vita democratica di questa amministrazione nella sua interezza” ha confermato Napoli, data che potrebbe arrivare già la prossima settimana. “Noi stiamo andando per la nostra strada, siamo certi di avere una moralità ineccepibile” ha rimarcato il sindaco tuonando sullo “storytelling della nostra città assolutamente infondato che si sta creando artatamente in questi giorni”. “Stiamo cercando di mettere ordine per quanto riguarda gli accessi alle strutture – conferma – con un nuovo protocollo, non di divieti, per aiutare a lavorare meglio tutti, da noi alla stampa e venire incontro ai cittadini”. “Le contingenze – chiarisce il sindaco di Salerno riferendosi all’inchiesta giudiziaria in corso – creano quelle che si possono definire post verità, cioè i fatti continuamente ripetuti, fatti anche infondati per la gran parte creano una sorta di fumo nella quale ciascuno può leggere quello che gli piace”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.