Rispoli (FIADEL) al fianco dei lavoratori coop: “Nessuna risposta finora, la politica non resti in silenzio”

“Noi siamo qui stamattina e continueremo a rimanere in presidio al fianco dei lavoratori che chiedono soltanto di lavorare. Una situazione del genere Salerno l’ha già vissuta tanti anni fa, l’allora sindaco Vincenzo De Luca si pose l’obiettivo di stabilizzare i lavoratori disoccupati unendo le cooperative in una partecipata, quella di Salerno Pulita, per organizzare i servizi di pulizia delle strutture pubbliche e dare un’indicazione precisa imprenditoriale a questo ente”. Così Angelo Rispoli, segretario provinciale FIADEL, questa mattina al fianco dei lavoratori che presidiano Palazzo di Città da oltre una settimana. “La cosa drammatica è che alla nostra richiesta di incontro non è arrivata nessuna risposta da parte del primo cittadino, questi lavoratori non possono rimanere per giorni sotto il comune senza una parola. La protesta è pacifica ma la disperazione è cattiva consigliera – ha continuato Rispoli, tenendo una conferenza stampa sotto i portici di Palazzo Guerra – noi possiamo attendere e cercare di temporeggiare qualche altro giorno ma intanto una soluzione va trovata. Serve un tavolo di discussione, la politica non resti in silenzio. Scriveremo di nuovo al Prefetto per capire il futuro occupazionale di queste persone”. Il segretario gererale del sindacato di categoria precisa anche il numero dei dipendenti delle coop coinvolte nell’inchiesta giudiziaria che, al momento, sono in difficoltà: “Ho sentito parlare di tanti numeri e cifre inesatte, stiamo parlando di meno di 90 dipendenti, circa 82 che rischiano il posto. Vanno stabilizzati, loro la mattina si alzano per andare a lavorare e garantire servizi pubblici che a questa città servono. Nelle scuole non si sta facendo manutenzione, poi le chiudiamo perché sono infestate dall’erba alta?”. Poi l’appello anche alla stampa: “Grazie anche a voi per la sensibilità verso questa vicenda, non entriamo nelle inchieste giudiziarie ma cerchiamo di lavorare tutti insieme affinché si possano dare risposte certe a questi lavoratori”. Poco dopo la conferenza stampa, è giunta a Palazzo Guerra l’assessore alle politiche sociali Paola De Roberto che ha guadagnato velocemente l’ingresso senza fermarsi con i lavoratori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *