Marchetti – Codacons sulla minaccia del voto: “Probabile reato di estorsione – il Codacons chiede l’intervento della magistratura”

di Mirko Cantarella

Ad intervenire sull’ormai famoso audio di presunte minacce per voto, che alcuni politici locali hanno fatto girare per rendere pubblica questa vergognosa azione, è Matteo marchetti, vice segretario nazionale del Codacons. Marchetti in un comunicato stampa interviene scrivendo: “La notizia che in queste ore gira è l’audio di una telefonata pubblicato sulle pagine Facebook di alcuni candidati, che se fosse vera sarebbe di una gravità inaudita. Un imprenditore che minaccia i propri dipendenti di votare in un certo modo, ravvisa diversi reati tra cui l’estorsione che in giornate elettorali è un reato gravissimo. Chiediamo che la Magistratura indaghi e, nel caso la registrazione fosse vera, punisca severamente i colpevoli e, se risultasse un falso, facendo le opportune indagini, ricerchi e punisca i colpevoli con altrettanta severità.

Sul fatto interviene anche il presidente del Codacons Campania, prof. Enrico Marchetti: “In entrambi i casi l’audio che gira rimane un fatto gravissimo, perché mira ad alterare gli equilibri psicologici di migliaia di persone impegnate in questa tornata elettorale e, nel caso risultasse un falso, non potremmo parlare certamente di uno scherzo, ma se fosse vero, sarebbe un fatto gravissimo che nuocerebbe gravemente alla politica onesta ed offenderebbe gravemente i cittadini che ancora credono nella scelta democratica del candidato. È giusto quindi che la Magistratura intervenga ed agisca tempestivamente, punendo i colpevoli”.

Lascia un commento https://www.cronachedellasera.it/champions-league-incontri/

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *