Salzano: “Strepitosa vittoria della non violenza; ripristinata la legalità statutaria”

Strepitosa vittoria della non violenza; al Comune di Salerno dopo cinque giorni di sciopero della fame viene ripristinata la legalità statutaria violata da trent’anni sugli istituti di partecipazione democratica. Ecco la dichiarazione di Donato Salzano segretario Ass. Radicale “Maurizio Provenza”:
“Strepitosa vittoria della nonviolenza! Costoro, gli uni e gli altri, hanno da trent’anni divorato bulimici lo Statuto, la legge e la Costituzione. Questi sono antropologicamente “renitenti allo stato di diritto”, ma fortunatamente per loro c’è chi in ciinque giorni con la nonviolenza ha scongiurato nuove “elezioni illegali” e con esse l’ennesima strage di diritto, che come sempre è strage di popoli.

Ciò è avvenuto grazie alle donne e gli uomini di buona volontà. Prima di tutto agli oltre 140 digiunatori della pagina Fb “Dove finisce la pena?” animata da Fabiana De Carluccio, tra detenuti e i loro familiari, ex detenuti, militanti Radicali e Referendari, che hanno deciso d’accompagnarmi e accompagnarci nel dare corpo alla lotta in questo breve e intenso Satyagraha:

Dal 22 al 23 settembre. MARTA Vello; Rosalba Fuschino; Emanuele Zagaria; Annamaria Zagaria; Alessandro Zagaria; Landi Felicia; Vincenzo Apicella; Luigi Apicella; Lucia Apicella; Sanda Mariana Haraga; Danuta Kolano; Paulina Kolano; Immacolata Gennatiempo; Emo Salvatore; Angelica Salvatore; Elisa Salvatore; Lucia Salvatore; Filomena Salvatore; Giovanni Salvatore; Domenico Angora; Noemi Palmieri; Valentina Vitale; Nicola Vitale; Juliana Santos; Alfonso Aufiero; Alfonso Carleo; Alfonso Calenda; Luca De Lorenzo; Marco De Lorenzo; Maria De Santis; Anna Maria Landi; Agostino Landi; Mariarosaria Landi; Federica Leone; Benedetto Vicidomini.

Dal 23 al 24 settembre. Fabiana De Carluccio; Alfonso Romano; Vincenzo Romano; Antonio Romano; De Carluccio Alfonso; De Carluccio Giovanni; De Carluccio Mario; Stefano Cherubino; Alina Burduja; Restea Amelin; Andreea Stirau; Annamaria Stoica; Andrea Foster; Angela Teici; Antonio Bosco; Antonio De Carluccio; Siano Aniello; Siano Maria; Giordano Anna; Giordano Gennaro; Giordano Mariarosaria; Giordano Annamaria; Annarosaria Falcone; Antonio Melella; Antonio DE Caro; Antonio Paolino; Cosimo Paolino; Carmine Ruggia; Rosario Ruggia; Giovanni Palmieri; Arturo Riccio; Bianca Fortunato; Silvia Trapanese; Francesca Bifulco; Annamaria Caserta; Pia Caserta; Giuseppe Amato; Matteo Amato; Siano Fabrizio; Cosimo Siano; Serafina Calenda; Gerardo Saggese; Giovanna Saggese; Silvana Perrotti; Silvana Giuliano; Elsa Giuliano; Antonietta Perrotti; Anna Giacento; Massimo Giacento; Alfonso De Filippo; Benincasa Simone; Benincasa Domenico; Bozena Puzio; Carla Toni; Vittoria Muccione; Rita Casaburi; Angelica D’Aiello; Gallo Angela; Carmela Pepe; Catalina Ioana; Diana Merlut.

Dal 24 al 25 settembre. De Carluccio Fabiana; Donato Parisi; Emanuela Uta; Florin Haraga; Marina Haraga; Mirela Haraga; Marian Ditu; Marilisa Greco; Monaco Antonio; Maria Midaglia; Antonio Panza; Vincenzo Scartaghiande; Cartone Ciro; Santoro Matteo; Gallo Fabio; Giuliano Ferdinando; Landi Patrizia; Landi Silvia;Landi Beatrice; Annunziata De Vita; Anna Adinolfi; Tommaso Ingino; Pantaleone Ingino; Landi Pasquale; Salvatore Bifulco.

Dal 22 al 23 settembre. Principe Raffaele; Truono Carmela; Principe Anna. Dal 23 al 24 settembre. Principe Giuseppe; Trezza Alfonso. Dal 24 al 25 settembre. Concetta Principe. Dal 25 al 26 settembre. Salvatore Leccese; Domenici Adolfo; Gaetano Cocino; Massimiliano Franco.

Ed ancora grazie a dieci consiglieri comunali solitari: Leonardo Gallo; Antonio D’Alessio; Donato Pessolano; Gianpaolo Lambiase; Pietro Damiano Stasi; Roberto Celano; Ciro Russomando; Dante Santoro; Domenico Ventura e Giuseppe Ventura. Come i dieci piccoli indiani hanno fatto onore con la loro firma a quella richiesta di convocazione “ad horas” del consiglio e con essa alla nostra lotta di salvaguardare la legittimità perduta delle Istituzioni e del Consiglio Comunale. Grazie di cuore a due candidati Sindaco per il loro premuroso e amorevole sostegno. Ad Elisabetta Barone per aver dato corpo al precetto e pregato per due volte con me da credente il giorno di San Matteo ed a Gianpaolo Lambiase per essere da sempre credente nella laicità dello Stato e delle Istituzioni.

Ed in fine, soprattutto grazie a due donne, Maria Abbruzzese e Ornella Menna, la prima con la sua pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale ha ripristinato la legalità violata per trent’anni dai “buoni a nulla” e la seconda l’ha recepita da Segretario Generale e restituita al diritto alla Conoscenza, nascosta a noi tutti per venti mesi dai “capaci di tutto”, ma proprio di tutto.

Pronti a riprendere al primo consiglio comunale utile la lotta nonviolenta, sospesa ma non interrotta, per il diritto ancora negato da un trentennio ai cittadini stranieri residenti in città. Perseverare pannellianamente nell’essere sempre speranza anziché averne, consapevoli di quel paolino “Spes contra spem” della lettera ai Romani, confidare per questo sempre nella forza del dialogo nonviolento del con-vincere, vincere con, vincere insieme ..”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *